La chiesa del Carmine

Camminando per Sorrento, oggi, nel tentativo di visitare le sue bellezze storiche, artistiche e monumentali, si prova difficoltà ad immaginare che meno di due secoli fa, la Chiesa della Madonna del Carmelo (più comunemente conosciuta con il nome di Chiesa del Carmine di Sorrento) era considerata – a ragion veduta – come una chiesa fuori del tessuto urbano.
Eppure, fino a quando le antiche mura poste a protezione della città – assieme ad un castello – lungo la strada che da Piano di Sorrento conduceva al capoluogo della Penisola Sorrentina non furono abbattute e fino a quando la gola del vallone dei mulini proseguiva incontrastata fino a giungere alla Marina Piccola, era proprio così: la chiesa del Carmine era una chiesa fuori le mura.
Anche in questo caso il suo aspetto è ben diverso da quello originario ed è addirittura impossibile riuscire ad immaginare che essa è sorta, probabilmente, sui resti di uno dei primi edifici sacri della Costiera Sorrentina, dedicato ai santi martiri sorrentini che, evidentemente, si immolarono in nome della fede prima che il cristianesimo, con l’ Imperatore Costantino uscisse dalla fase della clandestinità.

Chi desidera conoscere la storia di questo tempio, in ogni caso, può consultare la pagina specificamente riservata ad una ricostruzione storica delle vicende che hanno visto interessata la “Chiesa della Madonna del Carmelo di Sorrento.
Chi, invece, desidera sapere cosa può ammirare in questo edificio di culto, può utilizzare la pagina dedicata a “come si presenta la chiesa oggi”.
Fabrizio Guastafierro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*