L’ attività sportiva di Antonino Cuomo

Già durante la vita universitaria Nino Cuomo ha iniziato a svolgere attività sportiva, sia in campo agonistico che dirigenziale;
Da atleta ha iniziato nel nuoto imponendosi nelle acque di Sorrento nella gara dei 100 metri a dorso, rimasto invitto e divenendo, nel 1947, campione provinciale e nazionale allievi, partecipando, nel 1948, ai campionati universitari a Cortina d’Ampezzo e facente parte della squadra nazionale italiana di nuoto nell’incontro a Torino con la squadra natatoria austriaca e nella squadra napoletana ai campionati italiani universitari a Merano ed a quelli del Centro Sportivo Italiano a Roma. Nel 1947 faceva parte della squadra natatoria della Rari Nantes Stabia e, nel 1948 e 1949, di quella della Canottieri Napoli.
Da dirigente ha organizzato, per diversi anni, le gare di nuoto e pallanuoto nelle acque di Sorrento, allevando molti giovani sorrentini e conducendo alcune ragazze di Sorrento (tra cui la sorella Maria) ai campionati nazionali femminili ad Anzio.
E’ stato tra i fondatori del Centro Sportivo Italiano (organizzazione dell’Azione Cattolica) e ne fu il primo presidente diocesano, avviando struttura e manifestazioni in campo calcistico, natatorio e cestistico.
Nel calcio l’attività di Nino Cuomo è iniziata nel Circolo Cattolico “S.Antonino Abate” (con la sede in via P.R.Giuliani, ex chiesa ed oggi ristorante), nella qualità di “addetto sportivo” nel Consiglio Direttivo, presieduto da Gaetano Mascolo. Fu vinto il Campionato Diocesano con un’epica partita con la squadra “Equa”, disputata in un campo sito nella attuale piazza alle spalle della chiesa parrocchiale di S.Ciro in Vico Equense. Durante questo stesso periodo, per la crisi del calcio sorrentino, fu creata la squadra con il nome di Sant’Agnello (con presidente il barone Carlo Luongo) e Nino Cuomo vi partecipò come giocatore, divenendone anche allenatore (a seguito di un diverbio con il mister che era un “sottocapo” della Corderia di Castellammare di Stabia).
Nello stesso ambiente calcistico, Nino svolse anche l’impegno di dirigente nella S.S.Sorrento, all’epoca della presidenza di Gennaro Maresca e, per moltissimi anni quale corrispondente del Corriere dello sport.
Nel basket l’attività iniziò come allenatore della squadra femminile (della prima della quale faceva parte anche la sorella Maria ed il cui presidente, della Polispotiva Sorrento, era l’ing. Antonino Cesaro, nuotatore e cestista e per molti anni, dopo, presidente dell’associazione Calcio Sorrento) e, dopo una parentesi di alcuni anni, di una seconda squadra (di cui faceva parte un’altra sorella, Elina). In campo maschile, della cui squadra era capitano e allenatore, nel 1950 s’iniziò con il campionato di Prima Divisione, classificandosi al terzo posto nelle finali provinciali. Nino Cuomo fu selezionato per la rappresentativa campana che partecipò al torneo-campionato di basket del Centro Sud, disputato a Palermo, con la vittoria finale.
L’attività cestistica di Nino Cuomo continuò fino al 1961/62, allorché con una seconda squadra femminile si partecipò al campionato regionale.
Trattandosi di un personaggio impegnato su molteplici fronti, di seguito, proponiamo i link per visualizzare pagine di approfondimento che lo interessano:
La famiglia ed i primi passi
Attività giornalistica
Attività cattolica
Attività sindacale
Attività politica
Attività culturale

Per andare alla “pagina indice” dedicata agli operatori del mondo dell’ informazione e della comunicazione (nati, vissuti od operanti in Penisola Sorrentina), utilizza il seguente link:
http://www.ilmegliodisorrento.com/il-mondo-dell-informazione/