Punizioni per i dipendenti scorretti (10)

Delibera di Consiglio Comunale numero 10 del 19 marzo 1913

Oggetto: Modifiche all’ organico di Segreteria

Il Presidente del Consiglio Comunale di Sorrento riferisce che il Signor Sottoprefetto di Castellammare di Stabia, con nota del 10 corrente n° 2111, invitava questo Consiglio a nome del Signor Prefetto di modificare il regolamento Organico di Segreteria in modo che nei casi di disonestà degl’ impiegati o di sottrazione di atti dall’ Archivio a scopo doloso, sia comminato, invece della sospensione il licenziamento con le forme di legge.
Il Presidente propone, perciò, che l’ articolo 32 del regolamento Organico di Segreteria, vigente, approvato dall’ Onorevole Giunta Provinciale Amministrativa di Napoli il 18 giugno 1912 n° 953 resti così modificato.
Articolo 32
Le punizioni disciplinari per gl’ impiegati, salariati ed agenti sono le seguenti: a) la censura; b) la sospensione dallo stipendio o salario; c) la sospensione dall’ ufficio e dallo stipendio o salario; d) il licenziamento.

Incorrerà nella censura, la quale sarà applicata dal Sindaco, chi con replicata poca diligenza ed accuratezza disimpegni le proprie mansioni.
Sarà passivo della sospensione dello stipendio o salario quell’ impiegato o salariato che si rendesse colpevole di atti d’ insubordinazione verso i superiori. Sarà sottoposto al licenziamento, salvo sempre il procedimento penale, in caso di recidività delle suddette mancanze.
Sarà anche sottoposto al licenziamento, salvo sempre il procedimento penale, quell’ impiegato o salariato che si renda colpevole di atti di disonestà o di sottrazione di atti dall’ Archivio a scopo doloso.
A ciascun interessato sarà data notificazione degli addebiti a suo carico con invito a presentare nel termine di giorni otto le proprie discolpe.
Il Consiglio
All’ unanimità approva che il regolamento suindicato resti così modificato nell’ articolo 32, dando mandato alla Giunta di formare il relativo testo unico del Regolamento Organico di Segreteria dei Salariati Comunali, ed individua copia all’ autorità superiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*