Currently browsing category

Analisi Storico – Antropologica del culto di Sant’ Agnello

Tesi su Sant’ Agnello (protettore dell’ omonimo comune della Penisola Sorrentina, di Napoli, di Lucca e di Guarcino). Santo protettore delle gestanti. Santo protettore delle donne incinte. Studi sulla vita, credenze popolari collegate al suo culto, preghiere ed orazioni

La Vita di S. Agnello e il suo culto a Napoli (2)

Sulla vita di Sant’ Agnello esiste una copiosa bibliografia puntualmente individuata ed elencata dalla dottoressa Laura Parlato nella tesi intitolata “Analisi storico – antropologica del culto di Sant’ Agnello”

Vita, patria a famiglia di Sant’ Agnello (3a)

Nato da Giovanna Maragano e da Federico Soderico, Sant’ Agnello sarebbe disceso dai parenti d Santa Lucia. Inverosimili tradizioni popolari lo vorrebbero fratello dela stessa Santa di martire di Siracusa, ma al di là della lontananza geografica tra il luogo di nascita di Santa Lucia e quello di Sant’ Agnello, risulta evidente che essi vissero a distanza di 200 anni l’ uno dall’ altra

Nascita di sant’ Agnello (3b)

Il patrono di Napoli, di Guarcino e dell’ omonimo comune della Penisola Sorrentina, con ogni probabilità nacque negli anni trenta del VI secolo e morì alla fine del secolo stesso. Può darsi che il giorno ed il mese della sua morte coincidano con quello della sua nascita. Tra gli altri si ricordano anche un Sant’ Agnello vescovo di Napoli e un Sant’ agnello da Pisa dell’ Ordine Francescano

Infanzia di sant’ Agnello (3c)

Dopo avere condotto gli studi a Napoli, in ambito ecclesiastico, Sant’ Agnello si fece monaco. E’ incerto l’ ordine del quale fece parte, come pure è incerto il fatto che possa essere stato ordinato anche sacerdote