Immagini antiche di Piazza Tasso a Sorrento (1)

Agli inizi del 1800, l’ attuale Piazza Tasso di Sorrento, si chiamava Piazza del Castello ed il suo limite era grosso modo corrispondente al limite del palazzo dove oggi si trova il Bar Fauno.
Più avanti, infatti, il vallone dei mulini – a quell’ epoca – continuava ininterrotto fino al porto di Sorrento.
Lì oltre al Castello di Sorrento – da cui, per l’ appunto, prendeva il nome la piazza – c’ era la principale porta d’ ingresso alla città del Tasso, che s’ innestava sulla cinta muraria posta a difesa dell’ abitato. Per superare il dirupo del vallone dei mulini ed indirizzarsi verso la Chiesa del Carmine (ed oltre) bisognava passare su un ponte
Tutto questo fino agli inizi dell’ Ottocento perché, proprio a partire dagli inizi del XIX secolo, ebbe inizio una metamorfosi relativamente lenta che culminò con una profonda trasformazione dell’ aspetto della zona.
In occasione dell’ occupazione napoleonica del Regno delle Due Sicilie, infatti, Sorrento, rimasta fedele ai Borbone, oppose resistenza all’ ingresso in città delle truppe francesi.
Per questo fu presa d’ assedio e “presa a cannonate”.
A finire al centro del fuoco dei soldati invasori fu proprio il Castello di Sorrento e la parte delle mura che circondavano la principale porta d’ accesso alla città del Tasso.
Per questa zona storica fu l’ “inizio della fine”.
Visibilmente compromesso il Castello e gravemente danneggiate le mura, la Piazza, nel corso degli anni cominciò a cambiare profondamente aspetto fino a quando, dopo avere definitivamente demolito i resti del Castello Sorrentino, ed abbattuto tanto la parte pericolante delle mura, quanto la porta d’ ingresso alla città si iniziò a provvedere al graduale, ma sistematico riempimento della parte del Vallone dei mulini di Sorrento che, nel tempo, ha consentito la realizzazione del resto dell’ attuale Piazza Tasso.

Il processo di metamorfosi della Piazza principale di Sorrento è durato a lungo. Tanto è vero che ancora agli inizi del ‘900 l’ amministrazione comunale parlava di completare il “colmamento” del vallone dei mulini in questa zona, prevalentemente mediante lo scarico di materiali di risulta provenienti da cantieri edili.
Dei vari passaggi evolutivi che hanno riguardato questa zona ci sono ampie tracce grazie ad una miriade di espressioni grafiche diverse.
Alle tantissime fotografie di Piazza Tasso a Sorrento, si aggiungono anche tante cartoline, alcune stampe, qualche disegno e tanto altro materiale ancora.
Grazie ad esse è possibile cogliere i passaggi più significativi della storia che ha accompagnato lo sviluppo urbanistico di questa parte importante della città del Tasso.
Ilmegliodisorrento cercherà di rendere disponibile il maggior numero di immagini di questa zona come del resto di Sorrento.
In questo caso rendiamo disponibili oltre quaranta immagini che ci sono state fornite dall’ amico Tonino Sorrentino il quale, sebbene giovane, coltiva in maniera apprezzabile il suo orgoglio di essere sorrentino non solo per cognome, ma anche per residenza.
La sua passione per le immagini di Sorrento ha fatto sì che cominciasse a collezionare le riproduzioni di magnifici esemplari di fotografie di Sorrento, di cartoline di Sorrento e tanto altro ancora.
A lui rivolgiamo un sentito ringraziamento ufficiale, per avere aderito alle nostre sollecitazioni ed averci concesso l’ uso delle immagini alle quali abbiamo fatto riferimento in precedenza e che compongono questa fotogallery con immagini di Piazza Tasso a Sorrento.
Fabrizio Guastafierro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*