23) Come ci si muove a Sorrento

LA MOBILITA’ SISTEMATICA DI SORRENTO
Sorrento
Il comune di Sorrento registra un movimento sistematico composto di 2286 uscite, 5125 ingressi e 5875 ingressi. E’ notevole la gravitazione sulla città di Sorrento: gli spostamenti a tratti sono praticamente pari a quelli interni, quelli in uscita rappresentano meno del 20% del totale.
Si muove sistematicamente il 75% della popolazione residente (13286 origini/17658residenti).
Gli spostamenti in ingresso sono originati per il 97% all’ interno della provincia di Napoli, la provincia di Salerno origina circa 120 spostamenti; essi sono effettuati in prevalenza su autovettura privata, l’ autobus di linea registra il 26% ed il treno il 20%. La percentuale di utilizzo del treno cresce con la distanza (per i comuni di Vico Equense e di Castellammare di Stabia) e decresce, a favore del trasporto collettivo su gomma, per i comuni più prossimi (Piano di Sorrento, Sant’ Agnello e Meta, non esiste una linea ferroviaria che colleghi da Massa Lubrense a Sorrento).

Gli spostamenti in uscita sono prevalentemente diretti all’ interno della provincia di Napoli (97%) con principali destinazioni che risultano essere quelle di Napoli, Sant’ Agnello, Piano di Sorrento. Il mezzo di trasporto prevalente risulta essere il treno (che soddisfa il 43% degli spostamenti), seguito dall’auto privata; l’autobus di linea soddisfa solo 140 spostamenti, essenzialmente diretti nei comuni confinanti (Meta, Piano di Sorrento e Massa Lubrense). La gravitazione in direzione di Napoli registra il 65% di utilizzo del treno, l’auto è superata dalla voce “altro”, presumibilmente lo spostamento via mare.
Gli spostamenti interni al comune di Sorrento sono effettuati, per quasi il 60% a piedi, con tempi di percorrenza contenuti entro il quarto d’ ora nell’ 80% dei casi.
Nell’ ora compresa tra le 8.00 e le 9.00 si muove il 54% della popolazione, gli spostamenti in auto ed autobus tendono a gravare in prevalenza sull’ ora compresa tra le 7:30 e le 8.30, sono i movimenti pedonali a spostare l’ora di punta di mezz’ ora.
Pertanto Sorrento risulta essere un grande attrattore di traffico sistematico, il cui bacino è essenzialmente limitato alla provincia di Napoli; gli spostamenti in ingresso ricorrono al treno solo per medio lunghe distanze. All’ interno del territorio comunale sorrentino hanno grande rilevanza gli spostamenti pedonali, preferiti, appena possibile, da tutte le tipologie dei residenti.

© Testo integralmente tratto dalla Tesi di Laurea intitolata “Il sistema dell’ accessibilità in Penisola Sorrentina”, discussa dal Dott. Marco Fiodo, nell’ anno accademico 2000/2001 presso la Facoltà di Scienze politiche dell’ Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Relatore Prof. Italo Talia.
Nessuna parte può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo elettronico, meccanico o altro, senza l’ autorizzazione scritta dell’ autore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*