25) Il numero di addetti impegnati in varie zone della Penisola Sorrentina

LA DISTRIBUZIONE DEGLI ADDETTI
Il Censimento ISTAT del Commercio e dei Servizi permette di determinare la distribuzione delle attività lavorative sul territorio della Penisola Sorrentina. Con dettaglio alle sezioni di censimento, le attività sono classificate per tipologia e, per ogni tipologia, è riportato il numero di addetti attivi sul territorio.
Le 60 zone di traffico in cui è stata suddivisa la penisola sorrentina sono state tematizzate per la distribuzione di addetti (proporzionale alla distribuzione delle destinazioni sistematiche) e , in particolare, per la distribuzione di addetti di attività che attraggono traffico (in grado, cioè, di attrarre gli spostamenti occasionali; tra questi si sono fatti rientrare il commercio al dettaglio, i ristoranti ed i bar, le attività di intermediazione monetaria e finanziaria, quelle professionali ed imprenditoriali, la pubblica amministrazione, i servizi sociali e sanitari, le attività di organizzazioni associative e quelle ricreative, culturali e sportive). I tematismi sono riportati nelle seguenti Carte 4.3 e 4.4.

Gli addetti sono concentrati nei centri abitati e nelle principali frazioni  (Capo di Sorrento, Preazzano e Seiano). In particolare, il numero maggiore di addetti totali si registra nelle zone del centro storico di Sorrento (oltre 1300 addetti), di Via delle Rose a Piano di Sorrento (oltre 1000 addetti), della Marina Piccola di Sorrento (950 addetti) e di Piazza Antiche Mura (800 addetti) a Sorrento. Nel comune di Vico Equense solo la zona ad est di Piazza Umberto I supera i 500 addetti, a Sant’Agnello la zona di via Iommella sfiora gli 800 addetti; a Massa Lubrense, infine, solo il centro principale sfiora i 500 addetti, Monticchio – Pastena e le due zone di Sant’ Agata sui due Golfi non raggiungono i 200 addetti.
Gli addetti di attività con un elevato potenziale di attrazione sono distribuiti secondo criteri similari: si evidenziano le parti centrali dei nuclei abitati (ancora il Centro storico di Sorrento, le aree centrali di Piano di Sorrento e di Sant’ Agnello, ma anche di Vico Equense e, solo di poco inferiore ai 300 addetti, il centro di Massa Lubrense) e le principali frazioni (Sant’ Agata sui due Golfi, Capo di Sorrento, Preazzano e Seiano). Fra le aree meno urbanizzate che comunque assommano un discreto numero di addetti vanno segnalate il lato montano del comune di Sant’ Agnello e la porzione di territorio non urbanizzato fra Capo di Sorrento e Massa Lubrense.

© Testo integralmente tratto dalla Tesi di Laurea intitolata “Il sistema dell’ accessibilità in Penisola Sorrentina”, discussa dal Dott. Marco Fiodo, nell’ anno accademico 2000/2001 presso la Facoltà di Scienze politiche dell’ Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Relatore Prof. Italo Talia.
Nessuna parte può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo elettronico, meccanico o altro, senza l’ autorizzazione scritta dell’ autore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*