Come è cambiato il turismo a Sorrento tra il 1957 e il 2007

Bisogna ancora segnalare che dagli anni ’50 Sorrento ha sostituito Napoli come centro per le escursioni per Capri, Pompei, Amalfi e Ischia per la sua posizione di “baricentro” e nel 1982 la struttura alberghiera sorrentina è stata arricchita da un modernissimo ed attrezzatissimo “Centro Congressi” (incorporato nel Sorrento palace) che ha spinto altri esercizi ricettivi a munirsi di una simile attrezzatura (anche se di entità e comfort più limitato), creando motivo di nuove correnti di turismo, quelle congressuali (basterebbe ricordare il grande convegno ANCIAssociazione Nazionale Comuni Italiani – organizzato nel novembre 1983, che costrinse alla riapertura di alcuni alberghi già chiusi per la pausa invernale).
Altra motivazione dell’ incremento turistico di questo periodo fu una maggiore impostazione nell’ indirizzo anche culturale del turismo stesso. Non per nulla furono gli anni del massimo sviluppo degli Incontri Internazionali del Cinema e degli Incontri Musicali nel periodo estivo.
Desidero riportare, a maggior corredo di questa panoramica, alcuni elementi numerici, relativi al movimento turistico fino al 2007 (rinviando l’ esame specifico alle tabelle allegate).

Arrivi

Presenze

Giorni soggiorno

1957

Italiani

18.050

51.203

2,84

Stranieri

78.542

219.589

2,79

Totali

96.592

270.792

2,80

1967

Italiani

37.065

129.049

2,84

Stranieri

117.104

448.106

2,79

Totali

154.169

270.792

2,80

Incremento arrivi

Incremento presenze

Italiani

+19.015 (105,35%)

+78.746 (153.79%)

Stranieri

+38.562 (49,10%)

+228.517 (104,06%)

Totali

+57.557 (9,61%)

+307263 (113,47%)

Incremento arrivi

Incremento presenze

Giorni

1977

Italiani

79.783

234.502

2,94

Stranieri

181.589

835.413

4,60

Totali

261.372

1.069.915

4,09

In questo secondo decennio si nota, ancora, un aumento di arrivi, di presenze e di soggiorno medio:

Incremento arrivi

Incremento presenze

Italiani

+42.718 (115,25%)

+104.553 (80,46%)

Stranieri

+64.485 (55,07%)

+387.307 (86,43%)

Totali

+107.203 (69,54%)

+491.860 (85,09%)

Incremento arrivi

Incremento presenze

Giorni

1987

Italiani

139.100

478.720

3,44

Stranieri

253,654

1.160.902

4,58

Totali

392.754

1.639.622

4,17

In questo terzo decennio si nota, sempre, un aumento di arrivi, di presenze e di soggiorno medio:

Incremento arrivi

Incremento presenze

Italiani

+59.317 (74,35%)

+244.218 (104,14%)

Stranieri

+72.065 (39,68%)

+325.489 (38,96%)

Totali

+131.382 (50,27%)

+596.707 (52,25%)

Incremento arrivi

Incremento presenze

Giorni

1997

Italiani

139.916

487.419

3,48

Stranieri

377.552

1.740.088

4,63

Totali

517.468

2.235.507

4,32

In questo quarto decennio si nota, sempre, un aumento di arrivi, di presenze e di soggiorno medio:

Incremento arrivi

Incremento presenze

Italiani

+816 (0,59%)

+8.699 (1,82%)

Stranieri

+123.898 (48,84%)

+579.186 (49,89%)

Totali

+124.714 (31,75%)

+595.885 (36,39%)

Incremento arrivi

Incremento presenze

Giorni

2007

Italiani

108.685

386.274

3,55

Stranieri

370.022

1.909.712

5,16

Totali

478.707

2.295.986

4,80

In questo quinto decennio si nota, invece, una diminuzione di arrivi e di presenze ma un aumento del soggiorno medio

Incremento arrivi

Incremento presenze

Italiani

-31.231 (-22,33%)

-101.145 (-20,75%)

Stranieri

-7.530 (-1,99%)

-161.624 (-9,24%)

Totali

-38.761 (-7,49%)

-60.479 (-2,70%)

A causa del terremoto del 1980, sia per i danni ad alcuni complessi alberghieri, sia per la diffusione di un senso di diffidenza all’ estero, nel 1981 si registrò una diminuzione di affluenza della componente straniera.
A fronte di una diminuzione di arrivi italiani (-6.984 pari all’ 11,30%) le presenze aumentarono di 1.382 (pari allo 0,72%), ma il forte deficit si ebbe tra gli stranieri con meno 91.759 arrivi (pari a – 61,31%). Nel 1982 si raggiunsero le cifre del 1980 e nel 1983 il movimento turistico si riprese riportandosi alle statistiche del periodo precedente agli eventi tellurici (anche se negli anni 1986-87 ci fu una leggera flessione).
Il periodo di maggiore incremento è stato quello a cavallo del ventesimo e ventunesimo secolo. In detti anni sono state registrate, aggiungendo il movimento dei complessi extralberghieri, presenze che hanno superato il traguardo di duemilionicinquecentomila (con il massimo di 2.648.016 durante il 2000, Anno Santo, quando, nel campo essenzialmente alberghiero, si è raggiunta la ricezione di 2.472.749 presenze).
Anche se, da quella data si è registrata una leggera flessione dal 2003 al 2006, in quest’ ultimo anno (2007) si è ripreso il cammino in aumento.
Circa l’ utilizzazione delle strutture alberghiere, presento tre classifiche per altrettante valutazioni secondo il mantenimento delle stesse in esercizio per otto, dieci o dodici mesi (sempre rapportando il calcolo a decenni)

Presenze

Posti letto

%8 mesi

%10 mesi

%12 mesi

1957

270.792

2.034

55,47

44,38

36,98

1967

578.055

5.770

41,74

33,39

42,30

1977

1.069.915

8.432

52,87

42,30

29,57

1987

1.639.622

10.051

67,97

54,38

45,31

1997

2.235.507

10.153

91,74

72,39

61,16

2007

2.295.986

10.566

90,54

72,43

60,36

Questa tabella dimostrerebbe come, valutando (in medio est virtus) la capacità ricettiva alberghiera sorrentina utilizzata, nella sua totalità, per dieci mesi dal 1977, nel cui anno avrebbe operato solo per il 42,30%, in quest’ ultimo decennio sarebbe giunta ad oltre il settanta per cento.
Più complessa è la valutazione della struttura extra-alberghiera per la sua diversificazione strutturale e per la diversa classificazione (dal 1985, statisticamente i villaggi turistici sono classificati unificati con i campeggi).
Nel 2007 l’ attrezzatura di questo settore dell’ ospitalità sorrentina è giunto a 84 esercizi, con 1.101 camere, 3.732 letti e 637 bagni.
Il quadro è il seguente:

Letti

Camere

Bagni

Case per apart.

30

287

117

113

Camp. – Vill. Turist.

4

2.790

697

276

Alloggi agro-turist.

4

35

19

18

Altre strutture

46

620

268

230

Tratto dal primo volume di “Sorrento 1946 – 2007” di Antonino Cuomo e pubblicato a Castellammare di Stabia da Nicola Longobardi Editore nel 2009. Pubblicato per gentile concessione dell’ autore.
Nessuna parte può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo elettronico, meccanico o altro, senza l’ autorizzazione scritta dell’ autore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*